Pexels Photo 5668765 891x594

Nello scenario di mercato contemporaneo, caratterizzato da cambiamenti rapidi e dal continuo scambio di informazioni, la Business Intelligence (BI) può rappresentare un enorme vantaggio per le imprese che riescano a sfruttarne appieno il potenziale.

Possedere dati di qualità e aggiornabili rapidamente è infatti di estrema importanza sia per la produzione di documenti finanziari sia per le aziende che hanno bisogno di informazioni immediate per prendere decisioni in modo rapido ed efficace, riadattando le proprie strategie al variare delle condizioni della domanda o delle preferenze dei propri clienti.

In questo senso, negli ultimi anni la Business Intelligence ha avuto modo di evolversi, passando dalla semplice analisi descrittiva (il semplice report delle vendite, ad esempio) al monitoraggio in tempo reale e all’analisi predittiva, integrandosi inoltre con strumenti avanzati di Data Science e soluzioni di Machine Learning.

Nonostante ciò, molto spesso il potenziale della BI, soprattutto in ambito di finanza aziendale e controllo di gestione, viene irrimediabilmente sottovalutato. Vediamo quindi perché la Business Intelligence può essere estremamente utile sia all’impresa, sia al commercialista, all’analista finanziario o al manager, per prendere decisioni nell’area Finanza e Controllo.

 

Tool di reportistica

I tool di reportistica della BI, come Microsoft Power BI, Qlik View o Tableau rappresentano un potente strumento attraverso cui integrare i vari dati dell’impresa per fini di visualizzazione o monitoraggio (anche da mobile).

Ad esempio, è possibile costruire una dashboard per le operazioni finanziarie in modo da tenere facilmente traccia dei KPI relativi ai flussi finanziari.

Questo permette di:

  • Avere una panoramica giornaliera dei flussi di cassa e della liquidità dell’azienda;
  • Tenere traccia delle spese e dei ricavi con modalità visuali immediate (di maggior impatto rispetto ad una tabella o ad un foglio di calcolo);
  • Elaborare tattiche e strategie riguardo i flussi finanziari e la gestione dei costi;
  • Visualizzare graficamente le voci attive e passive che compongono il conto economico e lo stato patrimoniale;
  • Monitorare costantemente gli obiettivi finanziari dell’impresa (o elaborarne di nuovi);
6545.QuickBooks 2D00 Power BI Dashboard

Esempio di dashboard per un report finanziario costruita con Microsoft Power BI

 

Data Warehouse (o Data Lake)

Chi si occupa di finanza e controllo nella stragrande maggioranza dei casi si trova di fronte alla necessità di integrare fonti dati diverse per la produzione dei propri report o consuntivi. Questi dati possono provenire, ad esempio, dal gestionale ERP dell’impresa, dal CRM o da altre fonti esterne all’organizzazione.

In assenza di un’architettura centralizzata adibita a custodire i dati aziendali, è quindi molto probabile che i tempi per la produzione di un report finanziario possano dilatarsi fino a una settimana e oltre, e richiedano la partecipazione di più soggetti ed aree. In più, vi è la possibilità che fonti dati diverse producano errori di incoerenza o addirittura che generino versioni della realtà in contrasto tra loro (immaginiamo, ad esempio, che a due manager di aree differenti vengano consegnati dati diversi).

Dietro le quinte del tool di visualizzazione è quindi importante che vi sia una struttura di Business Intelligence che agisca come “unica fonte di verità” (dal termine Single source of truth o SSOT) che normalmente si identifica nel Data Warehouse (o talvolta nel Data Lake), definito spesso anche come il cuore pulsante della BI.

Questa struttura è costruita appositamente in modo da accentrare il patrimonio dati dell’impresa e permettere quindi estrazioni semplici e coerenti di tutti i dati che devono essere utilizzati per le analisi. Agganciando il tool di visualizzazione al Data Warehouse è ad esempio possibile ottenere le informazioni necessarie a produrre i report finanziari con un semplice refresh dell’applicativo, evitando errori di incoerenza e perdite di tempo.

Bi Finanza E Controllo Schema

Semplice schema della Business Intelligence all’interno dell’impresa

 

 

Ti serve una consulenza?

Se hai bisogno di una consulenza dedicata su uno o più servizi da noi offerti, non esistare a scriverci.

Contattaci subito

 

Benefici generali della Business Intelligence per la produzione di report finanziari

Vediamo quindi i benefici generali ottenibili con l’impiego della BI per la produzione di report finanziari.

  • Miglior visualizzazione

Rispetto ai tradizionali fogli di calcolo, i report prodotti con tool di BI permettono un’interpretazione più semplice delle metriche chiave e in generale, una condivisione delle informazioni con gli stakeholders più veloce ed efficace. Tool come Power BI permettono ad esempio la creazione immediata di presentazioni Power Point per condividere in modo rapido le key figures, o di inserire i report visuali direttamente all’interno di una pagina web (Qui un esempio).

  • Problem solving

La migliore visualizzazione rende a chi si occupa dei report più facile individuare problemi critici e trend negativi nei dati finanziari e nelle performance. Grazie alla velocità con cui sono messe a disposizione le informazioni è inoltre possibile agire tempestivamente con le opportune misure per andare a risolvere i problemi il prima possibile.

  • Più produttività

Nell’area finanziaria la produzione di report è molto spesso un’attività dispendiosa in termini di tempo. Integrare dati provenienti da fonti diverse in strumenti tradizionali come i fogli di calcolo può infatti rivelarsi un processo particolarmente time-consuming. Grazie ad un’architettura di Business Intelligence vi è un forte risparmio in termini di tempo sia per chi si occupa di finanza e controllo, sia per il reparto IT.

  • Miglior Decision-making

Grazie alla BI si hanno a disposizione dati coerenti e aggiornati, con la possibilità di produrre report giornalieri o addirittura intraday per monitorare le informazioni finanziarie. In questo modo, il processo di Decision-making risulterà più efficace, essendo basato su dati precisi e attuali.

 

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto come la Business Intelligence può essere utile per l’area Finanza e Controllo, in particolare per la produzione di report contenenti informazioni finanziarie.

Se desideri maggiori informazioni riguardo a soluzioni di Business Intelligence per l’area finanziaria e amministrativa o necessiti di una consulenza su queste tecnologie, non esitare a contattarci.

 

Per approfondire:

Andrea Bergonzi 150x150

Andrea Bergonzi

Sono laureato in Economia, Finanza e Mercati Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano. Prima di terminare gli studi, ho ricoperto il ruolo di analista dei mercati finanziari presso una società di consulenza e ho collaborato come Research Editor con una società di Singapore. Dal 2020 sono membro di Dataskills, dove mi occupo di Data Science e Business Intelligence.

Comments are closed.

Iscrivi alla newsletter













    Dichiaro di aver letto ed accetto l’informativa sulla privacy

    Andrea Bergonzi 150x150

    Andrea Bergonzi

    Sono laureato in Economia, Finanza e Mercati Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano. Prima di terminare gli studi, ho ricoperto il ruolo di analista dei mercati finanziari presso una società di consulenza e ho collaborato come Research Editor con una società di Singapore. Dal 2020 sono membro di Dataskills, dove mi occupo di Data Science e Business Intelligence.